Informativa breve sui cookie
Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sull'uso delle pagine così da ottimizzarne sempre di più i contenuti e per consentire la fruizione dei contributi video, questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Per visualizzare correttamente tutti i contenuti di questo sito ed esprimere in questo modo il consenso all'uso dei cookie, occorre cliccare sul tasto qui sotto. Per saperne di più o per modificare le preferenze sui cookie, consultare la nostra Cookie Policy. Grazie.
Accetta i Cookie

Istituto Nazionale Tributaristi

Condividi questa notizia su:   FaceBook Twitter LinkedIn Google+

Comunicato

Termini di invio dati spese sanitarie sistema TS

Roma
  25/07/16

Le modalità di invio per singola fattura o semestrali (1° scadenza 31/07/2016) sono alternative alla scadenza annuale del 31/01/2017 (relativamente all’anno in corso).

Di seguito il comunicato dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri di Milano:

730 PRECOMPILATO. CHIAREZZA SUI TERMINI DI TRASMISSIONE PER L'ANNO 2016

Rispondiamo alle voci che circolano in questi giorni riguardo ad una comunicazione che fisserebbe al 31.07.2016 la scadenza di invio al sistema tessera sanitaria dei dati di spese sanitarie per il 730 precompilato relativi al primo semestre dell'anno in corso.

Come si evince dal comma 4.6 dell'allegato A del DL 31.07.2015 pubblicato nella GU n.185 del 11.08.2015, che norma la frequenza temporale di trasmissione dei dati di spesa sanitaria, "la trasmissione dei predetti dati deve essere effettuata entro e non oltre il mese di gennaio dell'anno successivo a quello della spesa effettuata dall' assistito, comprensivi i dati delle eventuali cancellazioni e/o variazioni e rimborsi. I dati trasmessi oltre tale data saranno scartati dal Sistema Tessera Sanitaria".

È quindi il 31.01.2017, il termine ultimo per la trasmissione al Sistema Tessera Sanitaria delle fatture relative alle spese mediche emesse da medici e odontoiatri nel corso dell'anno 2016 . Tale indicazione è stata confermata dalla SoGeI (Società Generale d'Informatica S.p.A.) recentemente interpellata dal OMC e OMI per fare chiarezza sulla questione