Informativa breve sui cookie
Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sull'uso delle pagine così da ottimizzarne sempre di più i contenuti e per consentire la fruizione dei contributi video, questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Per visualizzare correttamente tutti i contenuti di questo sito ed esprimere in questo modo il consenso all'uso dei cookie, occorre cliccare sul tasto qui sotto. Per saperne di più o per modificare le preferenze sui cookie, consultare la nostra Cookie Policy. Grazie.
Accetta i Cookie

Istituto Nazionale Tributaristi

24/01/18

Buongiorno Sig.Presidente, 
ho 48 anni e vorrei delucidazioni in merito alla mia situazione. Lavoro presso uno studio di consulenza fiscale dal 1996 e mi occupo di contabilità, invii telematici, dichiarativi e di tutto ciò che il nostro lavoro comporta. Dal 2011, ho aperto Partita Iva per poter gestire la contabilità di alcuni miei clienti in maniera autonoma fuori dallo Studio per cui lavoro. Dato che non sono iscritto in nessun albo ed dalla mia ho solo diploma di Ragioniere ed esperienza nel settore dal 1996, potrei iscrivermi come socio non praticante e sentirmi tutelato dall'Associazione? Molti mi dicono che non potrei esercitare l'attività di consulente aziendale perché non ho i requisiti. È vero?
A.M.

Risposta della Presidenza

Gentile Rag. A.M.,
la Sua domanda è coincisa, ma la risposta richiederebbe un trattato, poiché l'argomento chi possa fare cosa, in ambito tributario-contabile, scatena sempre pareri discordanti e spesso fuorvianti.
Cercherò, sinteticamente, di darLe delle risposte:
a) Non potrebbe iscriversi all'INT come non esercente in quanta titolare di partita Iva, per cui fermo restando il possesso dei requisiti, potrebbe presentare domanda di iscrizione solo come esercente [qui il link].
b) La figura del consulente aziendale, che svolga attività non soggette a riserva, non richiede necessariamente iscrizione in albi, ma può essere esercitata, nel rispetto delle norme fiscali, previdenziali e civilistiche, liberamente [qui il link]. 
c) Lo svolgimento delle attività relative alla suddetta figura professionale, sia a quella di tributarista, richiedono ben specifiche peculiarità se invece ci si vuole iscrivere ad un’Associazione di cui alla legge 4/2013, soprattutto, se l’Associazione, come nel caso dell’INT, è inserita nell’elenco del Ministero dello Sviluppo Economico ed è autorizzata al, rilascio dell’attestato di qualità [qui il link].
L’argomento del libero esercizio della consulenza contabile e tributaria meriterebbe un’analisi più approfondita, ma se avrà la pazienza di leggere altre mie risposte presenti in questa rubrica, potrà avere ulteriori elementi.
Se desidera poi essere contattato dalla segreteria per avere ulteriori in formazione relative all’iscrizione, fornisca un recapito telefonico e sarà richiamato quanto prima.
Cordiali saluti.
 
Riccardo Alemanno
Presidente INT