Informativa breve sui cookie
Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sull'uso delle pagine così da ottimizzarne sempre di più i contenuti e per consentire la fruizione dei contributi video, questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Per visualizzare correttamente tutti i contenuti di questo sito ed esprimere in questo modo il consenso all'uso dei cookie, occorre cliccare sul tasto qui sotto. Per saperne di più o per modificare le preferenze sui cookie, consultare la nostra Cookie Policy. Grazie.
Accetta i Cookie

Istituto Nazionale Tributaristi

Condividi questa notizia su:   FaceBook Twitter LinkedIn Google+

Comunicato INT

D.L. fiscale: Il visto ai tributaristi evita discriminazioni, favorisce i contribuenti e non penalizza altre categorie.

Roma
  08/11/17

D.L. FISCALE: Il visto ai tributaristi evita discriminazioni, favorisce i contribuenti e non penalizza altre categorie. I tributaristi dell’Istituto Nazionale Tributaristi (INT) rispondono con un semplice tweet, inviato ai sottoscrittori dell’emendamento ed agli organi di stampa, all’attacco delle associazioni di altra categoria professionale circa la polemica sull’estensione del visto di conformità ai tributaristi certificati e qualificati ex Legge 4/2013.
Il tweet: Il visto di conformità x tributaristi (intermediari fiscali) qualificati e certificati ex Legge 4/2013, poiché viene apposto su dichiarazioni dagli stessi redatte a seguito della tenuta delle scritture contabili, non penalizza altri professionisti.
Il Presidente dell’INT, Riccardo Alemanno, sottolinea: «Nessuna penalizzazione per altre categorie professionali con Il visto di conformità per i tributaristi qualificati e certificati ex Legge 4/2013, ma solo la naturale continuazione di una attività, ormai quotidiana, collegata alle dichiarazioni che già i tributaristi redigono per conto dei contribuenti ed inviano all’Agenzia delle Entrate. Tanto meno si penalizzano i giovani, semmai penalizzati dalla complessità del sistema. Giovani che oggi possono scegliere anche un percorso professionale libero da schemi e baronie.»