Informativa breve sui cookie
Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sull'uso delle pagine così da ottimizzarne sempre di più i contenuti e per consentire la fruizione dei contributi video, questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Per visualizzare correttamente tutti i contenuti di questo sito ed esprimere in questo modo il consenso all'uso dei cookie, occorre cliccare sul tasto qui sotto. Per saperne di più o per modificare le preferenze sui cookie, consultare la nostra Cookie Policy. Grazie.
Accetta i Cookie

Istituto Nazionale Tributaristi

Condividi questa notizia su:   FaceBook Twitter LinkedIn Google+

Comunicato

Alemanno (INT e Confassociazioni) al Ministro Poletti: bene misure agevolative per l’assunzione dei giovani ma che siano applicabili anche dai professionisti

Il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti alla Conferenza di Confassociazioni
Roma
  15/09/17

Il Presidente dell’Istituto Nazionale Tributaristi, Riccardo Alemanno, anche nella sua veste di Vice Presidente vicario di Confassociazioni, ha inviato una breve lettera al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, con la quale esprime la massima condivisione per le misure agevolative per favorire l’ingresso nel mondo del lavoro dei giovani, ma sottolinea come tale agevolazione, consistente nella riduzione del 50% degli oneri contributivi per un triennio, deve essere utilizzabile oltre che dalle imprese anche dai professionisti. Si legge infatti nella missiva: «...omissis... La riduzione del 50% degli oneri contributivi per un triennio, rappresenta sicuramente per le imprese un ottimo incentivo, dando per scontato che tale misura sia estesa anche al settore professionale e che i professionisti, nella loro veste di datori di lavoro, possano essere altrettanto incentivati nell’assumere i giovani. Ovviamente signor Ministro, Le ricordo, che il settore professionale è costituito dai professionisti di area ordinistica e da quelli indicati nella L.4/2013 (area associativa), mondo professionale, quest’ultimo, che Lei ben conosce sia per il tavolo aperto sul lavoro autonomo, sia perché, graditissimo ospite, ha partecipato nel luglio scorso alla Conferenza annuale di Confassociazioni, Confederazione che rappresenta le Associazioni professionali d cui alla predetta L.4/2013.»
Alemanno, che ha dichiarato di avere inviato la lettera come forma preventiva, circa possibili dimenticanze nella scritturazione della norma, ma anche di avere piena fiducia nel Ministro Poletti, ha chiarito il perché di una richiesta di attenzione che potrebbe sembrare superflua: «Mi scuso, signor Ministro, per questa mia breve lettera che potrebbe sembrare pleonastica, ma troppe volte i professionisti di area associativa sono stati dimenticati o esclusi e quindi fra i miei compiti c’è anche quello di ricordare che questi soggetti lavorano, danno lavoro e sono un elemento ormai irrinunciabile per la nostra economia ...omissis...».