Informativa breve sui cookie
Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sull'uso delle pagine così da ottimizzarne sempre di più i contenuti e per consentire la fruizione dei contributi video, questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Per visualizzare correttamente tutti i contenuti di questo sito ed esprimere in questo modo il consenso all'uso dei cookie, occorre cliccare sul tasto qui sotto. Per saperne di più o per modificare le preferenze sui cookie, consultare la nostra Cookie Policy. Grazie.
Accetta i Cookie

Istituto Nazionale Tributaristi

Condividi questa notizia su:   FaceBook Twitter LinkedIn Google+

Comunicato

L’INT ha aderito all’appello #BastaBufale lanciato dalla Presidente della Camera

Roma
  15/03/17

L’Istituto Nazionale Tributaristi (INT) ha aderito all’appello #BastaBufale lanciato dalla Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini. Sottoscrivendo il format contenuto nel sito http://www.bastabufale.it/ l’INT ha ribadito che se l’informazione è un diritto lo è altrettanto un’informazione corretta e veritiera, perché le notizie false sono un danno per la democrazia e la convivenza civile. Il Presidente dell’INT Riccardo Alemanno, che ha aderito anche a titolo personale, ha dichiarato: «Inviteremo i nostri iscritti ad aderire perché è un atto di civiltà, le cosiddette bufale, quando non siano palesemente mirate all’ironia, possono avere effetti devastanti data la velocità con cui, tramite la rete, le notizie si diffondono. Ma il problema» prosegue Alemanno, «non è solo della rete, è più vasto perché anche altri mezzi di informazione spesso diffondono notizie alterate rispetto alla realtà e questo succede in tutti i settori della società. Certo i social, come diceva Eco, hanno amplificato le chiacchiere da bar, tutto ciò è un problema culturale, che si dovrebbe affrontare anche con un’azione di “educazione all’informazione” partendo dalle scuole, come INT vogliamo dare il nostro contributo invitando a pensare e riflettere quando si legge una notizia ad andare oltre i titoli, soprattutto se poi si contribuisce alla diffusione della stessa. Tutto ciò non è un atteggiamento ostile verso i social che, come INT ed anche personalmente, utilizziamo perché rappresentano uno strumento formidabile per la comunicazione, si tratta di un invito prima di tutto al rispetto ed al buon senso che spesso purtroppo sono latitanti. È purtroppo un rischio il passare dalla positività dell’informazione 2.0 alla disinformazione 2.0, spetta alle istituzioni, ai media ma anche ai cittadini gestire il problema.»